E' americano il primo cellulare senza batteria

E' americano il primo cellulare senza batteria

Una delle caratteristiche di uno smartphone moderno è proprio la capacità della batteria, la sua capienza e la sua capacità di portarci a sera in tranquillità senza paura di rimanere senza carica. A tal proposito molto è stato fatto negli ultimi anni. Si sono rafforzate le capacità delle batterie integrate negli smartphone oppure si è dato vita a cariche molto veloci capaci, in mezz'ora, di ricaricare almeno il 50% della batteria. Ad ogni modo la sfida è aperta e l'Università di Washington ha realizzato un prototipo capace di funzionare senza batteria. Ma vediamo di cosa si tratta.

E' americano il primo cellulare senza batteria

Come dicevamo, alcuni studenti dell'Università di Washington hanno realizzato il primo cellulare che non ha bisogno di batteria per funzionare. Non si tratta di un vero smartphone perché manca di tutte le funzioni tipiche dei device che utilizziamo tutti i giorni e le telefonate sono effettuate tramite un'antenna e una stazione base. Il cellulare in questione ha bisogno solo di 3,5 microwatt per funzionare, ricavati dall'ambiente, trasformando in energia la luce ambientale e le onde radio che ci circondano.


La parte innovativa è che all'Università di Washington non sono ricorsi a componenti speciali o costruite ad hoc, ma hanno utilizzato la tecnologia attualmente disponibile, ripensando il modo in cui viene impiegata. Allo stato attuale questo cellulare richiede una stazione base personalizzata per trasmettere e ricevere i segnali radio. Questo anche se la tecnologia potrebbe essere integrata nell'infrastruttura di rete cellulare standard o nei router Wi-Fi domestici.

Stando ai test effettuati dai ricercatori, il cellulare funziona entro una distanza di poco meno di 10 metri dalla stazione base, usando solo i segnali radio ambientali come fonte di energia. Invece, aggiungendo una cella solare delle dimensioni di un chicco di riso, il cellulare poteva comunicare ad oltre 15 metri di distanza dalla stazione base.

Attualmente il cellulare riesce ad effettuare anche chiamate tramite Skype‎ ed i ricercatori stanno lavorando all'implementazione di uno schermo E-Ink e allo sviluppo di capacità di streaming video. Che ve ne pare?
 

comments powered by Disqus