02/03/2024

Tech & Blackberry Italia News

App, smartphone, digital: la miglior tecnologia a portata di mano

Mantenimento dei nipoti da parte dei nonni: quando è possibile?

I nonni sono una figura fondamentale per i nipoti e per l’organizzazione familiare. I nuovi ritmi di lavoro insieme alle difficoltà economiche costringono molto spesso i nonni ad avere un ruolo fondamentale e in alcuni casi a sostituirsi materialmente ai genitori. Ma se questi ultimi si separano può esistere il mantenimento dei nipoti da parte dei nonni?

 

La risposta è si, ma solo in alcuni casi che vedremo in quest’articolo.

 

I nonni sono diventati un punto di riferimento per i nipoti e un grande aiuto per mamma e papà: curano i piccoli, li viziano e li crescono mentre i genitori sono al lavoro. Eppure può succedere che questo loro compito diventi gravoso anche dal punto di vista economico. La Cassazione, infatti, ha stabilito che l’obbligo dei nonni di mantenere i nipoti sussiste quando i loro figli  genitori non riescono a badare ai piccoli.

 

Vediamo quali sono i casi specifici e fino a che punto i nonni sono obbligati a sorreggere economicamente i nipoti.

I nonni devono pagare il mantenimento dei nipoti?

 

“L’obbligazione solidaristica, sussidiaria e subordinata grava proporzionalmente su tutti gli ascendenti di pari grado indipendentemente da chi sia il genitore che ha creato l’insorgenza dello stato di insufficienza dei mezzi economici”. Continua a leggere.

 

Questa è parte dell’ordinanza della Corte di Cassazione che ha posto a carico dei nonni il pagamento mensile di una somma di denaro per il mantenimento del nipote. In realtà la somma, viene corrisposta ad un genitore (in questo caso la madre), in sostituzione del mantenimento a cui avrebbe dovuto provvedere il padre.

 

Da questa ordinanza emerge che i nonni sono tenuti al mantenimento dei nipoti se:

 

  • Non viene corrisposta la somma dovuta da un genitore per il mantenimento del figlio;
  • L’altro genitore da solo non riesce a provvedere alle esigenze del minore;
  • I minori vivono in uno stato precario, a rischio per la loro salute;
  • La situazione economica dei nonni permettono il mantenimento.

 

Secondo gli articoli 148 e 316 bis c.c. sono entrambi i genitori coloro che, prima di ogni altro, devono provvedere al mantenimento dei figli. Nel caso di separazione o divorzio, uno dei genitori può essere obbligato a versare all’altro un assegno di mantenimento che costituisce un contributo al sostentamento dei figli. Se questo genitore non versa il contributo stabilito il codice civile stabilisce che devono essere gli altri ascendenti ad avere questo onere. In particolare la norma dispone che: “quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, sono gli altri ascendenti, in ordine di prossimità, a fornire ai genitori i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli

 

I nonni sono gli ascendenti più prossimi e quindi sono i primi ad essere chiamati in causa nel caso di problemi per i genitori.

 

Occorre sottolineare, che ai nonni in realtà non compete l’obbligo di versare il mantenimento ma gli alimenti. Una differenza sostanziale che incide sulla quantità del contributo. Infatti, versare gli alimenti vuol dire farsi carico solo dell’indispensabile per la sopravvivenza, mentre il mantenimento può riguardare anche bisogni più ampi.

 

Inoltre, ciascuno dei quattro nonni è tenuto a pagare gli alimenti in proporzione alle condizioni economiche. Vale a dire che una nuora potrà chiedere il contributo ai suoi ex suoceri.

Quali sono i doveri dei nipoti verso i nonni?

Ma non sono solo i nonni a farsi carico ed a dover contribuire al benessere dei nipoti, ci sono anche casi in cui accade opposto.

 

Vediamo quando è il nipote a provvedere alle esigenze dei nonno.

 

In realtà, la legge non indica con precisione queste situazioni, poiché l’intervento obbligatorio nei confronti delle persone anziane è rimesso allo Stato sociale, mentre la famiglia interviene solo in via eventuale.

 

Questo vuol dire che la famiglia interviene quando gli strumenti di assistenza e previdenza sociale  risultino insufficienti.

 

Ma anche i nonni sono difesi dalla legge e la norma che gli viene in soccorso è l’articolo 433 del c.c. Quest’ultimo dispone l’obbligo degli alimenti da parte dei familiari in ordine cronologico. Quindi, andando per ordine, il primo tenuto a versare gli alimenti è il coniuge, se questo è deceduto o impossibilitato l’onere passa ai figli, e solo in mancanza di questi ultimi, il dovere ricade sui nipoti.

 

Altro caso di doveri dei nipoti nei confronti dei nonni è quando siamo di fronte ad una donazione. Infatti, la legge sulle donazioni impone al donatario di prestare gli alimenti al donante fino a ché questi è in vita (art. 437 del codice civile).

Se il padre non paga gli alimenti pagano i nonni: quando sono obbligati

 

Il pagamento da parte dei nonni al posto del genitore inadempiente non avviene in automatico, ma è necessaria la sussistenza delle condizioni individuate nel primo paragrafo di questo articolo.

 

Il dovere dei nonni di versare gli alimenti ai nipoti, scatta ,  sorge infatti, solo nel momento in cui i genitori non sono in grado di adempiere al loro obbligo. Inoltre, è necessario dimostrare lo stato di bisogno dei nipoti e che l’altro genitore non dispone delle risorse economiche necessarie.

 

Ciascun nonno è tenuto a versare gli alimenti in proporzione alle proprie capacità economiche: se uno dei nonni dispone di mezzi che riescono a malapena a garantire la sua sopravvivenza, non è tenuto a versare il mantenimento. Inoltre, l’obbligo dei nonni permane solo fino a quando il genitore non acquista di nuovo la propria autonomia economica.

 

I nonni, quindi costituiscono una salvezza in casi di necessità, ma non un “recupero crediti”.

 

Le questioni che riguardano i figli sono sempre molto delicate, soprattutto in caso di separazione. Per questo è importante affidarsi ad uno studio legale con esperienza che sappia supportarti nei problemi relativi al mantenimento, soprattutto in caso di inadempienze. Per ricevere più informazioni, e ricevere la consulenza di avvocati per separazioni a Torino, web site. Troverai professionisti in materia di Diritto Minorile e Familiare che sapranno risolvere situazioni familiari conflittuali e complesse.