19/08/2022

Tech & Blackberry Italia News

App, smartphone, digital: la miglior tecnologia a portata di mano

Storia del tavolo Saarinen

Storia del tavolo Saarinen

Eero Saarinen

Il tavolo Saarinen, conosciuto ai più come tavolo Tulip, è opera appunto del designer Eero Saarinen. Di origini finlandesi, ma naturalizzato statunitense, è molto noto nel mondo dell’arredo di design per la linea di complementi d’arredo Tulip. Non si dedicò solamente a questo, ma anzi dedicò parte della sua carriera alla realizzazione di opere architettoniche, sebbene le sue realizzazioni più famose e conosciute rimangano i mobili Tulip, come il tavolo Saarinen. Il suo stile vede sempre presente la razionalità e romanticiscmo tipicamente scandinavo come le sue origini, e che Saarinen ha saputo tradurre in opere senza tempo e dal deciso stile inconfondibile.

Tavolo Saarinen

Il tavolo Tulip di Saarinen è inconfondibile: realizzato sia ovale che tondo, presente un unico piede centrale con la caratteristica forma a calice. La base è realizzata in alluminio pressofuso verniciato. La colorazione non è unica, bensì è possibile vederlo realizzato in varie colorazioni. Questo tipo di realizzazione è stata una vera e propria rivoluzione nel design di tavolo e sedie. Riunire in un unico piede centrale quello che finora era compito di quattro gambe separate è stato un cambio di prospettiva ardito. Il piano può essere realizzato in laminato, legno oppure in marmo. Con un design semplice quanto ricercato allo stesso tempo, è stato in grado di armonizzare le linee e dare un senso di movimento alle linee. Essenziale ed elegante allo stesso tempo, la linea Tulip diventa un punto focale nello stile d’arredamento del soggiorno della propria abitazione. Il tavolo Saarinen https://instantdesign.it/product/tavolo-tulipano-con-piano-marmo-carrara-2/, proposto in replica fedelissima all’originale, può essere personalizzato secondo le proprie esigenze.

Tavolo Tulip personalizzato

Replica conforme dell’originale, il tavolo Tulip viene proposto con piano in marmo di Carrara e base in acciaio pressofuso di colore bianco. Il codice RAL prescelto è il 9010. Per quanto riguarda la forma, varia a seconda che il tavolo di vostro interesse sia tondo oppure ovale. Per quanto riguarda la versione ovale, la base è 80 x 60 centimetri a terra, mentre per la versione tonda il diametro a terra è da 50 centimetri se il piano superiore è fino a 120 centimetri. Per diametri superiori del top, da 137 centimetri fino a 160 centimetri, la base a terra avrà un diametro da 70 centimetri. Passando al colore della base, questa può essere realizzata in qualsiasi colore laccato. Su richiesta, può anche essere laccata opaca. Il processo di realizzazione della base prevede la sua conformazione mediante pressofusione, quindi, una volta uscita dalla fonderia, viene accuratamente levigata affinché sia pronta per la verniciatura. Per ottenere una perfetta laccatura, sono necessari ben tre passaggi differenti di poliestere, i quali donano poi alla base uno strato protettivo e duraturo. Il piano come detto è realizzato in marmo di Carrara. Questo tipo di marmo prevede una base grigio chiara con venature in altra tonalità di grigio chiaro. Di base, la finitura del top è lucida, ma in alternativa su richiesta è anche possibile realizzarla opaca. Il piano viene realizzato in modo tale da avere sulla superficie un rivestimento antimacchia, ottenuto mediante applicazione di poliestere, così da renderlo totalmente impermeabile, oltre ad enfatizzare la bellezza delle venature. La sua realizzazione è un processo piuttosto lungo e complesso, e che si potrebbe riassumere come una sorta di verniciatura dallo spessore praticamente impercettibile. La stessa tipologia di trattamento è applicabile anche al piano con finitura opaca. Vale la pena ricordare che ogni tavolo risulterà leggermente diverso dagli altri, data la naturale conformazione delle venature del marmo, e quindi potrebbero anche presentare delle imperfezioni denominate “magrosità”. Le lastre comunque vengono scelte in modo accurato direttamente dalle ditte estrattrici in cava, tra Carrara e Pietrasanta. Particolare attenzione viene data anche alla bordatura e lucidatura.