06/10/2022

Tech & Blackberry Italia News

App, smartphone, digital: la miglior tecnologia a portata di mano

Nintendo Switch Blue Screen e…

Nintendo Switch Blue Screen e…

Se anche a voi è capitato che la vostra Nintendo Switch si sia bloccata e lo schermo è diventato tutto blu o arancione allora siete davanti ad un grave errore hardware della console, che solo un assistenza tecnica specializzata su console è in grado di risolvere, in Italia i centri assistenza specializzati in console sono pochi a questo link potrete trovare l’assistenza Nintendo Switch più nota.

Fornita dunque la soluzione al vostro problema andiamo a comprendere meglio cosa è successo alla vostra Nintendo Switch e perché.

Blue Screen Of Death

Partendo Dal “BSOD” (BlueScreenOfDeath), le schermate Blu su Nintendo Switch stanno ad indicare “errore hardware generico” tuttavia diversi tecnici hanno ormai ricondotto la schermata Blu ad un guasto ben specifico ovvero un danno alla CPU/GPU della Nintendo Switch o alla RAM entrambe saldate su scheda con delle microsfere di stagno da 0,2mm (per questo vi abbiamo subito indirizzato verso i centri di assistenza specializzati).

Sia la GPU che la RAM possono generare questo difetto a seguito di un urto violento o a volte una semplice “botta” alla console quando è accesa da molto tempo.

È proprio quando la console è calda che è più fragile, essendo lo stagno con cui sono saldati questi componenti più malleabile e quindi sensibile ad eventuali sollecitazioni.

Un’altra possibile causa della schermata Blu della vostra console può essere “l’effetto banana” eh si il nome è ridicolo ma osservate bene la vostra console guardandola dal lato dove inserite lo spinotto di carica, vi sembra dritta?

No la console non diventa a “banana” da sola ma probabilmente è stata piegata dai vostri ragazzi che poi con sommo stupore sono da voi e con gli occhi a cuoricino… “papà la Switch non funziona più fa tutto blu!”.

Il 60% delle Nintendo Switch con lo schermo blu sono a banana quindi controllate prima di maledire la casa produttrice che di malefatte ne fa, ma non è sempre colpa di Nintendo!

Orange Screen of Death

Passiamo ora al “OSOD” (OrangeScreeOfDeath), la schermata arancione a differenza di quella blu non dipende né dalla CPU/GPU della console né dalla RAM ma da un altro componente ancora più piccolo è complesso da sostituire, la scheda Wi-Fi della quale tra l’altro non esistono ricambi essendo programmata specificatamente per la Nintendo.

“quindi la butto?” no!

I chip sostitutivi che potete trovare online non vi possono aiutare e se volete tentare probabilmente non funzionerà sulla vostra console anche se riuscite a saldarlo correttamente.

Per riparare la vostra Nintendo sarà necessario dissaldare la scheda Wi-Fi da un’altra Nintendo Switch per poi risaldarla sulla vostra.

Eh sì è un lavoraccio quindi ora bando alle ciance e cercate un cristo disposto a fare questa complessa lavorazione sotto pagamento o i ragazzi vi distruggeranno casa in men che non si dica!

Altri difetti noti

Eh pensavi che i guasti fossero solo quei 2 due appena citati?

Potremmo scrivere libri sui difetti che console così fragili possono avere in mano a ragazzi così giovani iperattivi e inconsci del mostruoso costo del giocatolo che stanno maneggiando.

Ma solo per prepararvi vi cito alcuni dei guasti comuni che potrete riscontrare su Nintendo Switch.

Drifting dell’analogico

La leva analogica è una componente soggetta a usura è quindi ha una vera e propria vita di qualche migliaio di cicli, dopodiché vedrete Super Mario avanzare da solo anche se voi siete in un’altra stanza.

Ovviamente si può riparare sostituendo la leva analogica ad un costo di 25€ prendendo come riferimento sempre l’assistenza console più nota di cui vi abbiamo lasciato il link all’inizio del articolo.

Surriscaldamento

Al pari della leva analogica prima o poi vi si presenterà ovvero sentirete la console sventolare al massimo e vi comparirà la scritta a schermo che vi segnala che la console si sta surriscaldando.

Come tutte le console anche la Nintendo Switch ha bisogno di manutenzione periodica va quindi smontata pulita per bene sostituita la pasta termica presente tra processore e dissipatore per poi essere rimontata correttamente, anche questa operazione può essere eseguita da un professionista al costo di 40€.