Scegliere la mascherina giusta per proteggersi dal Covid-19

Scegliere la mascherina giusta per proteggersi dal Covid-19

Quando dobbiamo scegliere una mascherina spesso è difficile riconoscere quali sono i tipi di mascherine realmente utili e quali no.

È importante saper valutare anche il grado di comodità della mascherina, evitando di scegliere quelle scomode e valorizzando le mascherine antivirus comode.

Abbiamo prodotto questa guida su come indossare mascherine facciali nella lotta contro il Covid-19, in modo da indicarti i consigli più aggiornati su quando indossare una mascherina, quale scegliere e come usarla per massimizzare la sua efficacia nella prevenzione dell’infezione.

Superare i rischi dei dispositivi di protezione individuale non certificati

Quando si una mascherina bisogna fare molta attenzione che sia conforme a tutta la legislazione europea. I prodotti non certificati spesso non garantiscono una protezione efficiente aumentando il rischio di infezioni e contagi

Dall’inizio della pandemia di Covid-19, c’è stato un notevole afflusso di protezioni respiratorie non conformi. La domanda di protezioni per il viso ha spinto i produttori immorali ad aumentare la produzione di prodotti non conformi come la mascherina KN95.

Queste mascherine non sono certificate e non possiedono il marchio CE richiesto, che le denota come adatte allo scopo. Spesso, la documentazione che accompagna le mascherine KN95 è fraudolenta, il che significa che le persone non hanno modo di sapere se la mascherina è in grado di fornire il grado richiesto di protezione contro la trasmissione e l’infezione da Covid-19.

Come scegliere la mascherina giusta per la protezione da Covid-19

Non tutte le mascherine sono uguali. Assicurarsi di selezionare la categoria e la classificazione perfetta della mascherina è un elemento critico della salvaguardia e della gestione della pandemia in generale. Le mascherine mal adattate non sono efficaci nella protezione contro il virus, e portano ulteriori aspetti negativi tra cui l’essere scomode o poco adatte, riducendo significativamente il morale. Dover indossare una mascherina è spesso una fonte di disagio per le persone, quindi è davvero importante che le mascherine siano comode e si adattino comodamente al viso. Utilizzare mascherine Maskhaze ti garantisce una protezione efficiente e soprattutto conforme alle leggi vigenti.

La seguente guida fornisce una panoramica dei tipi di mascherine utili contro la pandemia, spiegando gli anche gli ambienti in cui sono più adatte ad essere utilizzate.

Categorie di mascherine disponibili

Mascherine di tipo II

Le mascherine di tipo II sono progettate per un impiego a breve termine e sono destinate ad essere indossate solo una volta. Sono fatte di materiale intrecciato e si adattano liberamente per creare una barriera che impedisce all’individuo di esalare goccioline che possono diffondere la trasmissione di Covid-19. Proteggono anche chi li indossa dai contaminanti esterni coprendo il naso sopra il ponte e la bocca. Di solito sono dotati di occhielli o cinghie che vengono utilizzati per garantire una stretta aderenza sul ponte del naso e sotto il mento.

Queste mascherine non sono adatte a proteggere dai fumi inalati, e non offrono una copertura completamente sigillata del naso e della bocca, il che significa che non impediscono l’inalazione di aerosol di piccole particelle. Sono ottimizzate per l’uso da parte di individui già affetti da Covid-19, in quanto impediscono il trasferimento di goccioline ad altri. Le mascherine sono ideali per l’uso in ambienti clinici dove non c’è rischio di infezione attraverso i fluidi corporei o gli agenti patogeni trasportati dal sangue. Sono anche la scelta raccomandata per l’uso sui trasporti pubblici e quando si entra nei negozi e in altri spazi interni.

Mascherine di tipo IIR

Le mascherine IIR sono un’altra categoria di prodotti tessuti e non aderenti che sono progettati per essere usati una volta e poi eliminati. Sono ideali per l’uso in ambito clinico, per proteggere chi le indossa dall’esposizione alle goccioline, ma come per la mascherina di tipo II, non sono adatte a proteggersi dai rischi posti dall’inalazione di aerosol di particelle o di goccioline infettate dal virus. Le mascherine di tipo IIR sono caratterizzate da una superficie resistente agli spruzzi, che le rende adatte all’uso per la protezione contro la contaminazione di altri individui quando indossate.

Sono più comunemente usati in ambienti di cura con spazi comuni, ma non sono adatti per l’uso quando si ha uno stretto contatto con il paziente. Sono anche adatte ad ambienti condivisi come le carceri e da parte della polizia o delle guardie di sicurezza e dei primi soccorritori in scenari medici.

Mascherine non chirurgiche

Le mascherine facciali riutilizzabili non chirurgiche sono i dispositivi di protezione personale di scelta per l’uso in una serie di scenari, compreso l’uso da parte di individui che entrano in ambienti di vendita al dettaglio e sui trasporti pubblici. Le coperture per il viso in materiale sono dotate di passanti per le orecchie o di cinghie che le fissano sulla bocca e sul naso. Impediscono a chi le indossa di infettare gli altri rilasciando goccioline respiratorie contaminate. Di solito fabbricate con tessuto, sono progettate per essere impiegate in ambienti comuni dove la distanza sociale non può essere efficacemente osservata.

Questa categoria di mascherine non è efficace nell’ambiente clinico, in quanto non offrono una protezione completa da Covid-19 se il medico si occupa di pazienti infetti. Queste mascherine sono progettate per essere lavate seguendo le linee guida del produttore per mantenere l’efficacia per ogni uso ripetuto.

Mascherine con respiratore

Le mascherine per respiratori sono anche conosciute come mascherine con filtro. Sono classificate nelle categorie FFP1, FFP2 e FFP3. Le mascherine sono progettate per creare un sigillo intorno al naso e alla bocca, che è in grado di filtrare le sostanze pericolose tra cui goccioline contaminate e particelle trasportate dall’aria; creano efficacemente una barriera che impedisce la diffusione delle goccioline. La loro efficacia quando vengono indossate deve essere controllata con un test di tenuta, per garantire che la mascherina sia montata correttamente.

Le mascherine respiratorie sono ideali per l’uso quando gli operatori sanitari si occupano di individui infettati dal Coronavirus, o in ambienti in cui si raccomanda l’uso di protezioni facciali FFP1, FFP2 e FFP3 a causa della presenza di sostanze pericolose. Non sono raccomandati per l’uso da parte del pubblico in generale, poiché forniscono un livello avanzato di protezione che è solitamente richiesto solo dagli operatori sanitari e dai medici in ambito ospedaliero, o dai primi soccorritori in caso di emergenze mediche.

Prendersi cura della mascherina

Abbiamo scritto alcune linee guida per aiutarti a prenderti cura della tua mascherina in modo corretto, per mantenerla in condizioni ottimali per garantirti un uso a lungo termine:

  • Mantenere i DPI in un luogo sicuro, asciutto e pulito.
  • Rispettare tutte le raccomandazioni fornite dal produttore dell’articolo
  • Sostituire le parti con un elemento compatibile di qualità equivalente
  • Non tentare riparazioni complesse, lasciatele al produttore
  • Mantenere i DPI di ricambio per ridurre al minimo le interruzioni attraverso i prodotti alla fine del loro ciclo di vita naturale
  • Pulire e disinfettare le mascherine secondo le istruzioni specifiche del produttore
  • Controllare regolarmente le mascherine per individuare eventuali segni di usura o danni accidentali
  • Conservare in modo sicuro proteggendo da polvere, sostanze chimiche, umidità e luce, mantenendo una temperatura costante
  • Quando si ripongono le mascherine, stare in modo che la mascherina sia in una posizione normale, per evitare che perda la sua forma.